JULIUS EVOLA RIVOLTA CONTRO IL MONDO MODERNO DOWNLOAD

adminComment(0)

Rivolta contro il mondo moderno: Buono stato. Brossura editoriale lucida con alette. Fl. tq ct) Fì. Fl. ú. o oz t. Fr Fq zo o o (J. \-/. F-, o. J. z oo. ú f-{. E. a). t. E. C). Author of Rivolta contro il mondo moderno, Metafisica del sesso, by Julius Evola 6 editions - first published in Download DAISY. Rivolta contro il mondo moderno [Julius. Evola] on inevosisan.ml *FREE* shipping a site? Get your site here, or download a FREE site Reading App.


Julius Evola Rivolta Contro Il Mondo Moderno Download

Author:RICHIE CLAYBURG
Language:English, Japanese, French
Country:Portugal
Genre:Politics & Laws
Pages:771
Published (Last):15.03.2016
ISBN:410-7-40177-108-9
ePub File Size:19.51 MB
PDF File Size:14.35 MB
Distribution:Free* [*Sign up for free]
Downloads:45363
Uploaded by: LORENA

Available in the National Library of Australia collection. Author: Evola, Julius, ; Format: Book; p. 21 cm. Julius Evola; che UR Group; magic; deificacion; Italian occultism; Arturo theses for two of Evola's books, namely Rivolta contro il mondo moderno, PDF | This article deals with the figure of Julius Evola, philosopher and well- known freelance political Download full-text PDF. Content . In Rivolta contro il mondo moderno, Evola understood the history of mankind as a.

For there can be no doubt that Evola is still being read, commented upon, and hailed within far-right subcultures in Italy and abroad, especially in Russia and Eastern Europe.

As such, they mark the ideological starting point of the post-war political phenomenon that became known as the radical right.

1898 - 1974

Traditionalism and racism Evola is a multifaceted author, one who can be studied within the disciplines of art, literature, philosophy or western history and political doctrine, and even by those interested in existentialism, spirituality and mysticism. The publication of his Rivolta contro il mondo moderno Revolt against the Modern World, hereafter Rivolta made him widely known in Italian intellectual circles.

Moreover, the work is a milestone among intellectual productions from the radical right. In Rivolta, he expressed a new—or rather to say, a very old—vision of the world: a pre world, based on absolute power, castes and elitist values. For Evola, Tradition is spiritual energy comprised of elements 9 Julius Evola, Rivolta contro il mondo moderno Milan: Hoepli ; subsequent references are to Julius Evola, Rivolta contro il mondo moderno, 4th edn Rome: Edizione Mediterra- nee This gradual loss of respect, according to Evola, began when a state system based on hierarchy was replaced by a contract-based state system.

Yet Rivolta was immediately recog- nized by Mircea Eliade and other intellectuals who allegedly advanced ideas 10 Evola, Rivolta, — Translations from the Italian, unless otherwise stated, are by the author. Jahr- hunderts by Alfred Rosenberg. He stood instead for a Traditionalist interpretation of politics or, better, the updating of a reactionary right-wing world view, inspired by aristocratic, monarchical and military Prussian ideals.

Jahrhunderts Munich: Hoheneichen-Verlag Evola intended this totalitarian racism to provide guidelines for the selection of a super-race capable of dom- inating the world: a combination of the Aryan-German and the Roman race. It actually implied far greater consequences because it discriminated not only against the Jews, but all representatives of the modern western world.

Lehmanns However, il Duce opted for Nazi-style biological racism, which inspired the racial laws from October and paved the way for the persecu- tion of Italian Jews. Nevertheless, he kept his dis- tance from the Repubblica Sociale Italiano RSI , —5, and later expressed only contempt for the experiment, which he considered too leftist.

While still in hospital in , in fact, Evola received a visit from a group of young neo-fas- cists. It was there that they had discovered Rivolta contro il mondo moderno. Both MSI wings were interested in showing respect for the new demo- cratic rules adopted by the Italian Republic. To hear them tell it, reading the last chapter in Rivolta was a revelation. By then, a whole generation of Italian neo-fascists had visited his Roman apartment in Corso Vittorio Emanuele.

In the best period of the Roman civilization, the dictatorship was conceived and allowed as a temporary remedy; far from replacing the existing order, it was its reintegration. In every other regard, dictatorship equals usurpation.

Blog Archive

It contradicts the essence of the true State, inverting every proper relationship; it divests the political dimension of its proper character, original quality, and dignity. The political domain is defined through hierarchical, heroic, ideal, anti-hedonistic, and, to a degree, even anti-eudemonistic values that set it apart from the order of naturalistic and vegetative life. Authentic political ends are mostly autonomous ones i. This opposition between the political and the social domains is fundamental.

In fact, the superior functions in such an organism are not the expression of its biological and vegetative part; aside from cases of obvious degradation, these functions are not even at the service of this part.

Rather, these superior functions carry on an activity that may eventually assert itself over the physical life in order to direct it toward ends, actions, or disciplines that the mere physical life cannot explain or justify. It was also found in various primitive societies, in which some primordial meanings appeared in a purity that would be vainly sought in the shallow and crumbling sociologies of our times.

According to an old view, the State derives from the family: the same principle responsible for shaping the family and the gens, having been integrated and extended, allegedly gave rise to the State. Whether or not this is the case, it is possible, from a logical point of view, to trace the origins of the State to a naturalistic plane only by committing an initial mistake: to assume that in ancient civilized areas, and especially those populated by Indo-European civilizations, the family was a unity of a purely physical type, and that the sacred, together with a well-articulated hierarchical social system, did not play a decisive role in it.

Julius Evola - Against The Neopagans (25.0 Kb)

Even if we were to rely on the findings of modern investigations, thanks to the evidence marshaled by Fustel de Coulanges, there should be no doubts about this matter. But if the family is thought of in naturalistic terms, or in the terms in which it presents itself today, the generating principle of the properly political communities must be traced to a context that is very different from the one typical of the family: it must be traced to the plane of the socalled Mannerbunde. However, at a certain point what happened, or better, what could happen, was a change of nature and status.

Once the transformation occurred, the individual was incorporated into the Mannerbund. This Mannerbund was characterized by special tasks and responsibilities; it was different from all other societies to which 4 C.

A specific instance of such intervention of the pure principle of sovereignty is that which corresponds to the previously mentioned situations [in chapter 1]; I am referring to those cases where, in order to preserve the traditional continuity, it is necessary to adopt new forms, which eventually may include a new right. For these reasons it has been left in the original German. Its integration is power, the principle of command belonging to the Mannerbund.

Following the processes of secularization, rationalization, and materialization, which have become increasingly accentuated in recent times, those original meanings became obscured and attenuated; and yet, wherever they are entirely obliterated, even though they exist in a transposed form, without an initiatory or sacred background, there no longer is a State or a political class in the specific, traditional sense.

Once again, this is a primordial truth.

The maternal domination, from which the political-virile principle subtracts itself, was also understood as the domination of Mother Earth and the Mothers of life and fertility, under whose power and tutelage existence was believed to unfold in its physical, biological, and collective-material aspects.

The common mythological background is that of the duality of the luminous and heavenly deities, who are the gods of the political and heroic world on the one hand, and of the feminine and maternal deities of naturalistic existence, who were loved by the plebeian strata of society on the other hand.

Thus, even in the ancient Roman world, the idea of State and of imperium i.

The same ideal line runs through the themes found in primitive societies i. Later on in history this line leads, if not to the imperium, to the divine right of Kings; where there were no groups created by the power of a rite, there were Orders, aristocracies, political classes defined by disciplines and dignities that cannot be reduced to social values and economic factors.

Then the line was broken, and the decadence of the State idea—parallel to the degeneration and the obfuscation of the pure principle of sovereignty and authority—ended with the inversion through which the world of the demos and the materialized masses emerged on the political horizon, engaging in the struggle for power.

Both democracy and socialism ratify the shift from the masculine to the feminine and from the spiritual to the material and the promiscuous.

This is an involution, the basis or counterpart of which is an involution occurring within the individual himself, expressed by the inner triumph of faculties and interests connected to the naturalistic, obtuse, and merely vitalistic part of the human being.

According to the correspondences already acknowledged by Plato and Aristotle, injustice—namely, the distortion and the external collective subversion—always reflects the internal subversion: that which is present in a given human type that has prevailed in a given civilization.

Today there are political forms in which such a fall of level and inversion are very clear and unmistakable; they are expressed in unequivocal terms in the political and ideological platforms of political parties.

In other cases this is a less noticeable phenomenon; in regard to them, it will be helpful to make the following clarification. Wherever these concepts were emphasized and bestowed with the dignity of a primary element, this has always happened in a revolutionary or even polemical function toward the concept of the State and the pure principle of sovereignty.

A brief historical overview will clarify this regressive meaning of the myth of the nation. This shift, as it is well known, was brought about by the French Revolution. See also, with due reservations, A. The cumulative unity of citizens eventually detracts from authority, undermines or subordinates every higher principle to itself i.

We know what high consideration the social matriarchate held in Marxist historiography; it was regarded as the primordial social constitution and the original state of justice, which were ended by the institution of private property and by the political forms associated with it.

However, the regression from the masculine to the feminine is equally visible in the previously mentioned revolutionary ideologies. Moreover, it is a very significant fact that country and nation have prevalently been allegorized through feminine figures, even among peoples whose land had a neuter or masculine, rather than a feminine, name. An additional insight could be gained by considering this problem from yet a different perspective.

An idea also embraced by Fascism was that the nation exists and has an awareness, a will, and a superior reality only in service of the State. Their establishment occurred through conquests and aggregative and formative processes that presuppose the continuity of a power, of a principle of sovereignty and of authority, as well as the bond of a group of men sharing the same idea and loyalty, pursuing the same goal, and obeying the same inner law reflected in a specific political and social ideal.

Such is the generating principle and the basis of every great nation. Only when the tension decreases do differences become attenuated and the group of men gathered around the supra-ordained symbol of sovereignty and authority weakens and crumbles; only then may that which is a by-product and an artificial creation i. However, this does not mean preventing the ruling classes from playing with, deceiving, and exploiting the people as their Athenian demagogic counterparts did and as, in more recent times, courtesans used to do with degenerate and vain sovereigns; this happens because the demos, which is feminine by nature, will never have its own, clear will.

The real difference between then and now lies in the cowardice and servile attitude of those who today no longer have the moral stature of men or of representatives of a higher legitimacy and authority from above. We may add that the system that was established in Europe through the advent of democracies i.

In fact, the majority, being free from every restriction and qualitative clause, is necessarily on the side of the lower social strata; in order to win the favors of these strata and be 8 Conversely, it is significant that sovereigns and heads of state were often attributed a paternal rather than maternal symbol.

I wish now to continue to discuss the genesis of the great European nations in service of the political principle, in order to derive some orientations. The substance of every true and stable political organism is something resembling an Order, a Mannerbund in charge of the principle of the imperium, comprising men who see loyalty as the basis of their honor as the saying of the Saxon Code goes. The Idea, only the Idea, must be the true fatherland for these men: what unites them and sets them apart should consist in adherence to the same idea, rather than to the same land, language, or blood.

All this falls below the level of what politics is, in the virile, traditional sense; moreover, it is inadequate for the times. It is inadequate because a realization of the idea is already present on the opposite front. In fact, today we can witness the gradual formation of blocs that have the supernational character proper to units essentially based on political ideas, as barbaric as they may be. The essential task ahead requires formulating an adequate doctrine, upholding principles that have been thoroughly studied, and, beginning from these, giving birth to an Order.

This elite, differentiating itself on a plane that is defined in terms of spiritual virility, decisiveness, and impersonality, and where every naturalistic bond loses its power and value, will be the bearer of a new principle of a higher authority and sovereignty; it will be able to denounce subversion and demagogy in whatever form they appear and reverse the downward spiral of the top-level cadres and the irresistible rise to power of the masses.

From this elite, as if from a seed, a political organism and an integrated nation will emerge, enjoying the same dignity as the nations created by the great European political tradition. Anything short of this amounts only to a quagmire, dilletantism, irrealism, and obliquity. THREE Personality — Freedom — Hierarchy The beginning of the disintegration of the traditional sociopolitical structures, or at least whatever was left of them in Europe, occurred through liberalism.

Following the stormy and demonic period of the French Revolution, the principles espoused by the Revolution first began to act under the guise of liberalism; thus, liberalism is the origin of the various interconnected forms of global subversion.

This is necessary not only from a doctrinal point of view, but also from a practical one.

The following considerations are aimed at exposing this misconception. The essence of liberalism is individualism. The basis of its error is to mistake the notion of the person with that of the individual and to claim for the latter, unconditionally and according to egalitarian premises, some values that should rather be attributed solely to the former, and then only conditionally.

Because of this transposition, these values are transformed into errors, or into something absurd and 10 G. Mosca, Elementi di scienza politica, Bari, [], II, eh. IV, 4, p.

#evola Stroies

Thus they, too, make promises that are impossible to keep, and adulate the masses, enticing their coarsest instincts and exploiting and stirring all their prejudices and greed whenever they hope to take advantage of them.

This is an ignoble race in which those who willingly lie lower their intellectual level to the level of those who have been deceived, and thus, from a moral point of view, go even lower. Let us begin with the egalitarian premise. There is no need to comment on the inequality of human beings from a naturalistic point of view. And yet the champions of egalitarianism make equality a matter of principle, claiming that while human beings are not equal de facto, they are so de jure: they are unequal, and yet they should not be.

Inequality is unfair; the merit and the superiority of the liberal idea allegedly consists of not taking it into account, overcoming it, and acknowledging the same dignity in every man. Se invece la cultura e la civilt trasmesse e accolte si rifanno a razze davvero eterogenee, l'effetto sar solo una dilacerazione, i valori superiori resteranno astratti e "intellettuali", quasi come una superstruttura, mentre le forze pi profonde e organiche, ostacolate e compresse, non avranno la possibilit di una espressione adeguata.

Perci, come diremo, vi sono delle frontiere non solo per la razza del corpo e del sangue, ma anche per quella dell'anima e dello spirito, frontiere che non si possono oltrepassare senza un effetto realmente distruttivo.

Solo dall'alto verticalmente e non orizzontalmente sar possibile, e ci, inoltre, solo attraverso delle lites, una comunicazione. Un altro punto va rilevato, esso stesso di non poco momento. La dottrina della razza tende a sviluppare una nuova sensibil i t e u n n u o v o m o d o d i g i u d i c a r e , portantesi, per cos dire, sui retroscena delle stesse idee.

Comunemente, di fronte ad una teoria o filosofa, si poneva il problema della sua "verit" o "falsit"; di fronte alle norme per l'azione e per la vita si poneva il problema di un "bene" o di un "male". Al massimo, oltre a questo modo astratto "oggettivo" di giudicare, si avuta linterpretazione "personalistica", ci si cio dati ad interpretare le filosofe o le morali sulla base della personalit dei loro creatori come individui.

Il modo di procedere della mentalit razzista ben diverso. Di fronte ad una teoria o ad una morale essa non si preoccupa tanto di discriminare, astrattamente, il "vero" o il "bene", bens di individuare quali influenze l'abbiano determinata, di quale "razza dello spirito" essa sia l'espressione e quindi la verit o la norma.

Come lo sguardo addestrato del razzista biologo sa distinguere in una fisionomia umana i tratti dell'una o dell'altra razza in essa riuniti, cosi, nel campo della cultura, la niente addestrata razzisticamente scopre le caratteristiche di razza presenti nelle varie creazioni del pensiero, dell'arte, del diritto, della politica e da ci trae adeguate conseguenze pratiche circa l'ammettere, o no, in una data comunit, l'influenza che da esse promana.

Si pu dire che essa investa lo stesso dominio della psicanalisi, cio quella zona di influenze subcoscienti, in buona misura atavicamente determinate, che hanno una parte tanto importante, quando difficilmente visibile, di l dai processi della coscienza riflessa; ma, naturalmente, della psicanalisi si eliminano e rigettano i pregiudizii e gli errori, perch nelle forze profonde, che sono in azione nella subcoscienza individuale e collettiva, la dottrina della razza ravvisa tutt'altro che "complessi" erotici, oscuri istinti, residui della psiche selvaggia, come fa di solito la psicanalisi.

Del resto, a tale riguardo, lo stesso parlare di subcoscienza non calza del tutto. Fuori dalla coscienza comune del singolo posson cadere tanto delle influenze subcoscienti che delle influenze supercoscienti e, nel definire propriamente il concetto di razza, indicheremo l'errore di certe interpretazioni puramente "vitalistiche" di essa e riconosceremo la necessit di ammettere, alla radice delle razze superiori, delle forze realmente trascendenti, quindi proprio opposte a tutto ci che subcoscienza.

Di subcoscienza, in tale caso, pu parlarsi solo nei riguardi del singolo individuo, quando nel suo pensare ed agire non si rende conto delle influenze generali a cui egli, in ultima analisi e malgrado tutto, obbedisce, come individuo di una data razza , del corpo e dello spirito. Nell'ordine di tali ricerche pu, fra l'altro, definirsi una scienza nuova, che noi abbiamo chiamata la scienza della sovversione. Proprio ad essa spetta di formulare le tesi principali di un serio antisemitismo in fatto di cultura: con l'individuare la costante tendenzialii disgregatrice e dissolvitrice dei valori dell'uomo ario, che, spesso anche senza chiara coscienza o precisa intenzione, insita in tante creazioni tipiche dell'ebraismo.

Naturalmente, vi anche dell'altro. L'esplorazione di questa specie di "terza dimensione" dell'attivit umana ci da la precisa sensazione, che una quantit di avvenimenti e di rivolgimenti, i quali abitualmente sono considerati spontanei, casuali, ovvero determinati da fattori esterni e impersonali, in realt hanno obbedito ad una intenzione occulta, realizzando spesso tante parti di un piano vero e proprio, senza che chi si trovato ad essere l'esecutore diretto o indiretto di una di tali parti se ne sia reso menomamente conto.

Con ci si potenzia quel nuovo modo antirazionalista e antipositivista di considerare la storia e gli avvenimenti storici, che si detto essere precipuo alla nuova mentalit razzista. In realt, la "scienza della sovversione" va a dimostrare, che dietro alla storia nota vi un'altra s t o r i a, la quale attende ancora di essere scritta e che, quando lo sar interamente, getter una luce per molti sgomentante sui retroscena delle vicende che stavano per condurre i popoli occidentali fin sull'orlo di un abisso.

I lettori sapranno certamente qualcosa dei Protocolli dei Savi di Sion, di questo documento tanto discusso, la cui idea centrale che gli avvenimenti, le ideologie e gli incontri di circostanze da cui l'antica Europa tradizionale e stata condotta alla rovina, hanno una loro logica e corrispondono ad una specie di cospirazione mondiale. Altrove abbiamo precisato il significato di questo documento4 ed abbiamo posta fuori di discussione l'importanza che esso 4 I Protocolli dei Savi Anziani di Sion, ed.

Quanto al mondo antico, abbiamo avuto parimenti l'occasione di indicare la possibilit di utilizzare per una speciale indagine razziale le geniali ricerche di J. Bachofen in fatto di simboli e culti e forme sociali primordiali A tale stregua, l'antico mondo mediterraneo ci appare sotto una luce nuova ed insospettata: esso ci si palesa come il teatro di una lotta tragica e senza tregua fra culti, ideali, etiche e costumi di "razza" diversa: gli uni solari, urnici, eroici ed olimpici, gli altri tellurici, legati ai simboli del matriarcato e delle potenze sotterranee, estatici e promiscui.

Pi oltre, chiariremo in senso razziale tali termini. In genere, non vi ciclo di civilt che ad un occhio esercitato non riveli analoghe vicende: vicende di una vera e propria "guerra occulta" fra razze ora del sangue, ora dello spirito, ora sia del sangue che dello spirito.

Si gi accennato che quando si parla di "razza italiana", ovvero di "razza tedesca", "americana" e perfino "ebraica", tendendo a far coestensiva la nozione di razza a quella di nazionalit o, almeno, di comunit etnico-culturale, come accade nelle applicazioni politiche del razzismo, non pu esser quistione di gruppi etnici primari allo stato puro, analoghi a quel che in chimica sono gli elementi o corpi semplici indecomponibili, bens di composti razziali pi o meno stabili ed omogenei, che, col concorso di varii fattori, han dato luogo ad un certo tipo comune su base in parte antropologica, in parte di modo affine di sentire e di comportarsi, in parte, di comunit di destino.

I vantaggi pratici e politici relativi all'usare, a tale riguardo, termini come "razza", "purit di razza", "difesa della razza", ecc. Qualora ci si ponga dal punto di vista dottrinale, le cose si presentano naturalmente in modo alquanto diverso.

Razze pure nel senso assoluto oggi non ne esistono, se non nella persona di alcuni esemplari sparsi. Ci non impedisce che il concetto di razza pura possa esser preso come un punto di riferimento, nei termini, per, di un ideale e di uno scopo finale. Nei suoi aspetti pratici, se il razzismo ha per prima esigenza il proteggere da alterazioni e mescolanze degradanti il tipo comune analogicamente definito con termini, come "razza italiana", "tedesca", ecc.

Dopo di che, bisogna entrare in un campo valutativo: una volta 5 Gi un contributo importante all'esplorazione in tal senso delia storia moderna, dalla Santa Alleanza al bolscevismo, costituita dall'opera da noi tradotta e perimenti uscita presso leditore Hoepli: Malinsky e De Poncins, La guerra occulta Armi e fasi dell'attacco giudeo-massonico alla tradizione occidentale , Milano, Bachofen, La razza solare Studi sulla storia segreta dell'antico mondo mediterraneo , Ed.

La Difesa della Razza , Roma, Passando quindi alla pratica, bisogna vedere fino a che punto possibile isolare questo elemento razziale superiore, rafforzarlo, porlo al centro di uno sviluppo, avente per fine la purificazione e la nobilitazione del tipo generale, fino ad una sua massima approssimazione a questo pi alto elemento. Tale la via che pu condurre alla "razza pura"; la quale, dunque, non va considerata come l'oggetto di una mera constatazione descrittiva, come qualcosa, che sia gi l e che si tratti solo di proteggere; nemmeno vale ricostruirla con caratteristiche astratte, quasi come un oggetto da museo di storia naturale.

Essa appare piuttosto come un terminus ad quem, cio come un compito, come scopo finale di un processo attivo, creativo, sia biologico che etico e spirituale, di selezione, di discriminazione, di trasformazione.

E tutto ci non possibile senza un clima di alta tensione spirituale e senza dei procedimenti che, come diremo, hanno il carattere di vere e proprie evocazioni. Ma come si definisce, propriamente, la razza pura? Che significa, in genere, la razza? Nel nostro Mito del sangue abbiamo gi indicate varie definizioni.

La razza, per gli uni Topinard un tipo ereditario; per altri Woltmann una unit vivente di individui di comune origine, con uguali caratteristiche corporee e spirituali; per altri ancora essa un gruppo umano che, per la connessione, ad esso propria, di caratteristiche fisiche e di doti psichiche, si distingue da ogni altro gruppo umano e genera elementi sempre simili a s stessi Gnther ovvero un ceppo definito da gruppi di "geni" eguali, non di uomini esteriormente simili nelle forme: un gruppo ereditario Fischer E cosi via.

Ma tutto ci non esaurisce affatto la quistione, la chiude in un ambito, che pu esser valido per una specie animale, ma che nei riguardi dell'essere umano si dimostra davvero insufficiente. Per poterle conferire quella dignit e quell'importanza politica e spirituale, che gi si palesa dalle considerazioni fin qui fatte, la dottrina della razza deve partire da una concezione totalitaria dell'essere umano e da una giusta comprensione sia degli elementi che lo compongono, sia dei rapporti gerarchici che, in una condizione normale, fra tali elementi debbono intercorrere.

Fatto che quello di "razza" un concetto prendente significati ben distinti a seconda della categoria degli esseri a cui ci si riferisce: e non solo significa lo stesso nel caso di una specie animale o dell'uomo, ma anche nel riguardo delle variet stesse dell'umanit ha un valore diverso, non potendo designare certo la stessa cosa in un ceppo selvaggio o in una "superrazza".

Non basta nemmeno dire, come Walter Cross, che nel concetto di razza intendiamo quella completezza di vita umana, in cui corpo e spirito, materia e anima si compongono in una superiore unit , ma, quanto a decidere se luna delle due cose sia determinata dall'altra, se la forma corporea sia determinata dall'anima, o viceversa, ci un problema extrascientifico, metafisico, che non va considerato dal razzismo.

Ancor meno soddisfacente questa affermazione di Alfred Rosenbeerg: Noi non conveniamo n nella preposizione, che lo spirito crei il corpo, n nell'inversa, cio che il corpo crei lo spirito. Tra il mondo spirituale e il mondo fisico non vi nessuna frontiera netta: entrambi costituiscono un tutto inscindibile. Quando la razza non deve esser considerata pi come un "mito", ma deve esser fatto oggetto di una dottrina, non ci si pu arrestare a questo punto. Devesi inoltre notare e ci non poco importante che, in fondo, non si va oltre il materialismo, quando non si parla semplicemente della razza nel senso pi limitatamente antropologico e biologico del termine, ma si parla anche di uno "spirito" della razza, fino a formulare una "mistica del sangue".

Per aver qualcosa di valido, anche qui occorrerebbero ulteriori delimitazioni. Il totem qui non altro che l'anima mistica della trib e dell'orda, sentita tuttavia in stretta relazione con una data specie animale; vien concepito dai singoli come l'anima della loro anima, come l'elemento primario in loro.

Qui il singolo, prima che come tale, si sente appunto gruppo, razza o trib, per in senso affatto collettivistico, da ci traendo i suoi tratti fondamentali distintivi, non solo biologici, ma anche caratteriologici e, nella misura in cui qui di ci si possa parlare, culturali e spirituali.

Anche ad un tale stadio proprio il non avvertire alcuna netta differenza tra spirito e corpo, il vivere l'uno e l'altro in una indistinta, promiscua unit. Da ci si vede chiaro, che vie pericolose si possono, senza accorgersi, imboccare, quando si parta da concezioni confuse della razza e della "mistica della razza", come quelle poco su accennate: all'atto di combattere l'universalismo e il razionalismo, qui si corre il rischio di assumere come ideale qualcosa che, malgrado ogni apparenza, riconduce a forme di vita naturistica e prepersonale, e quindi di promuovere una vera e propria involuzione.

E ci appare tanto pi chiaro nel rifarsi alla veduta tradizionale, secondo la quale i selvaggi, nella gran parte dei casi, non rappresentano per nulla i "primitivi", le forme originarie dell'umanit, ma rappresentano invece gli ultimi residui degenerescenti, materializzati, abbrutiti, di precedenti razze e civilt di tipo superiore.

Appare dun que ben chiara, da tutto ci, la necessit di pi precisi punti di riferimento. Cosi noi dobbiamo porre una prima, fondamentale distinzione, quella fra "razze di natura" e razze nel senso pi alto, umano e spiri tuale. E dal punto di vista metodologico bi sogna convincersi, che assurdo considerare il razzismo come una disciplina a s, invece che in stretta dipendenza da una teoria generale dellessere umano. Dal modo in cui lessere umano vien concepito dipende anche il carat tere della dottrina della razza.

Se un modo materialistico, questo materialismo si trasmet ter allo stesso concetto di razza; se spiritua listico, anche la dottrina della razza sar spiri tualistica, perch anche considerando quel che nell'essere umano materiale e condizionato dalle leggi della materia, essa non dimenticher mai il luogo gerarchico e la dipendenza funzio nale che questa parte ha nell'insieme dell'essere umano. Dal fatto, che la presunta "oggettivit" delle ricerche condotte "scientificamente", con esclusione ostentata dei problemi "metafsici", lungi dal non avere, come essa pretende, dei presupposti, , spesso senza accorgersene, infi ciata da quelli della concezione materialistica e profana del mondo e dell'uomo propria al positivismo e al darwinismo del secolo scorso, da questo fatto procedono, in alcune esposizioni razziste, certe unilateralezze e deformazioni, di cui l'avversario cerca naturalmente di trarre tutto il proftto possibile.

Da parte nostra, dato che noi vogliamo chia rire la dottrina della razza da un punto di vista tradizionale, come premessa assumeremo natu ralmente la concezione tradizionale dell'essere umano, secondo la quale l'uomo, in quanto tale, non si riduce a determinismi puramente biolo gici, istintivi, ereditari, naturalistici: se tutto ci ha una sua parte, trascurata da uno spiri tualismo sospetto, esagerata da un miope posi tivismo, pure sta di fatto che l'uomo si distingue dallanimale in quanto partecipa ad un ele mento supernaturale, superbiologico, solo in fun zione del quale egli pu esser libero e s stesso.

Fra l'uno e l'altro, come elemento, in una certa guisa, intermedio, sta l'anima. La distin zione nell'essere umano di tre prin cipii diversi, di corpo, anima e spirito, fondamentale per la ve duta tradizionale.

In forma pi o meno completa, essa si ritrova negli insegnamenti di tutte le antiche tradizioni, ed essa si continuata nello stesso Medioevo; la concezione aristotelica e scolastica delle "tre anime', ve getativa, sensitiva, e intellettuale, la trinit el lenica di soma, psych e nous, quella romana di mens, anima e corpus, quella indo-aria di sthla-, Linga- e kranaarira, e cosi via, ne sono altrettante espressioni equivalenti.

Per una qualche precisazione dei tre concetti, si pu accennare che lo "spirito", nella conce zione tradizionale, ha sempre significato qual cosa di superrazionale e di superindividuale; esso non ha dunque nulla a che fare col comune intelletto e ancor meno col pallido mondo dei "pensatori" e dei "letterati"; piuttosto l'ele mento su cui poggia ogni ascesi virile e ogni elevazione eroica, ogni sforzo di realizzare, nella vita, ci che e "pi che vita".

Julius Evola: Sintesi di dottrina della razza

Nell'antichit classica, lo "spirito", come nous o animus, venne opposto all"anima" come principio maschile a principio feminile, elemento solare a elemento lunare. L'anima appartiene gi pi al mondo del divenire che a quello dell'essere; essa con nessa alla forza vitale cos come ad ogni facolt percettiva e ad ogni passionalit. Con le sue diramazioni inconscie essa stabilisce la con nessione fra spirito e corpo. L'espressione indo aria per un dato aspetto di essa linga-Sharira avente la sua corrispondenza in quella di "corpo sottile" di alcune scuole occidentali, de signa propriamente l'insieme delle forze formative, pi che corporee e meno che spirituali, in atto nell'organismo fisico, ove agiscono emi nentemente le influenze ereditarie e dove si for mano gli elementi acquisiti di nuove eredit.Nor would they wish otherwise: they are all proud of who they are and determined to protect their own culture.

La dottrina in parola, se rettamente intesa, pu invece rappresentare un potenziamento e un ulteriore strumento del Fascismo, come creatore di una nuova civilt antiuniversalistica, antirazionalistica, antiindividualistica. European Journal of Sociology, 28, p. La personalit invece qualcosa di organico, tutto ci che sangue, stirpe e tradizione sono suoi elementi costitutivi e inseparabili, si che dal potenziamento di questi valori propiziato dal razzismo anch'essa non pu che risultarne potenziata e confermata.

Three essays were published in the late s and early s: Tre aspetti del problema ebraico Three Aspects of the Jewish Problem in , Il mito del sangue The Myth of Blood in and Sintesi di dottrina della razza Synthesis of the Doctrine of Race in Continua il Fascismo, perch al pari del Fascismo e di ogni concezione politica normale si rifiuta di considerare il singolo "a s", come un atomo che quasi dal nulla dovrebbe costruire tutto ci, per cui esso vale, ma considera ogni uomo come membro di una comunit nel riguardo allo spazio e rispetto al tempo come una entit inseparabilmente connessa alla continuit, nel passato e nel futuro, di una stirpe, di un ceppo, di un sangue, di una tradizione.

La dottrina della razza antistoricista e antievoluzionista, poi, anche in un senso specifico, perch se volesse indicare il senso generale approssimato della storia partendo dai primordi, sarebbe assai pi portata a p ar l ar e di i nv ol uz i o ne c he di e vo luzione. Refresh and try again. To hear them tell it, reading the last chapter in Rivolta was a revelation.